• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata
PDFStampaEmail

Il saggio si occupa di un particolare aspetto del tema del c.d. «contenuto atipico del testamento», cercando di cogliere i possibili punti di contatto tra secondo e quarto libro del codice civile. Il quesito riguarda il caso in cui il testatore rivolga una proposta contrattuale ad un terzo attraverso il testamento. Trattasi di un atto post mortem e non mortis causa: ciò comporta significative implicazioni in relazione all’accettazione dell’eredità da parte dell’erede. Parte significativa dello studio è poi rivolta alla valutazione della disciplina degli art. 1326 ss. c.c. in relazione alla fattispecie in esame; vengono in gioco gli art. 1326, comma 4, c.c. (equipollenza di forma fra proposta e accettazione), art. 1326 ult. comma, c.c. (conformità di proposta e accettazione), 1328, comma 1, c.c. (revocabilità della proposta prima della conclusione del contratto), 1330 c.c. (ritenuto per definizione inapplicabile alla proposta contenuta in un testamento).

E-Book: Formato PDF Scaricabile

9912105001.pdf
Nr. Pagine
13
Formato
PDF