La rinunzia alla proprietà
SKU: 9918205004
La Porta Ubaldo
21,99 €

Nr. Pagine
22
Estratto Rivista

Rassegna di diritto civile 2/2018

Vai alla Rivista

Formato
PDF
Issn
0393-182X

L’attuale congiuntura economica rende di particolare interesse il dibattito circa i limiti della facoltà di disporre del diritto di proprietà ed, in particolare, la legittimazione all’interno del nostro ordinamento di quel particolare atteggiarsi di tale facoltà che è la dismissione del diritto stesso mediante rinunzia. Lo studio prende le mosse dalla ricostruzione dei limiti del diritto di proprietà all’interno della funzione sociale a essa assegnato dalla Costituzione e, quindi, dal diritto di proprietà quale situazione soggettiva protettiva di un interesse privato, non statico ma mutevole, in rapporto dialettico con altri interessi pubblici o privati, che potrebbero trovarsi in posizione sovraordinata rispetto a talune facoltà in cui tale diritto si esplica, tra cui assume qui rilievo quello della rinunzia. Lo studio si conclude analizzando tutte quelle fattispecie di abbandono e rinuncia disciplinate espressamente dal legislatore (es. artt. 888, 882 comma 2, 1104 c.c.) le quali devono ritenersi tipiche e giustificate dalla esigenza di regolare l’estinzione di obbligazioni di fonte legale che si radicano su interessi di diritto pubblico, tendenzialmente perpetue e legate alla titolarità del diritto di proprietà.)

The current economic scenario makes discussions on the limitations to the right of disposing of property rights particularly relevant. Notably with reference to the legitimacy, under Italian law, of voluntarily disposing of a property right by means of a renunciation. To understand this issue, it is a necessary first step to analyse the limitations to property rights in the context of their social role, as stated in the Constitution. Along this line, a property right is considered in its protective function of a private interest, which is by definition non-static, and in relation to other private or public interests, that may lay in preeminent position over some of the faculties associated with the right. At last, it is important to mention all the particular cases of dismissal and renunciation explicitly regulated by law (e.g. articles 888, 882 comma 2, 1104 c.c.), which need to be considered as a closed set and are justified by the need to dispose of (usually never-ending) obligations originated by law for the general interest, and linked with the ownership of the property right.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy