NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.

Si comunica che i nostri uffici resteranno chiusi
dal 1 agosto 2019 al 30 agosto 2019

Tutti gli ordini effettuati in quel periodo saranno evasi a partire dal 2 settembre 2019

Beni comuni, ambiente e funzione del contratto
SKU: 9916205004
Nervi Andrea
25,99 €

Nr. Pagine:
26
Formato:
PDF
ISSN:
0393-182X

Il dibattito contemporaneo, non solo giuridico, mostra una crescente sensibilità per le tematiche ambientali; in questo contesto, l’istituto su cui si focalizza l’attenzione è soprattutto quello proprietario, che funge da paradigma generale per inquadrare il rapporto tra l’uomo e la realtà circostante, incluse le risorse naturali. Al banco di prova della realtà pratica, la proprietà, intesa nella sua accezione tradizionale, non sembra in grado di fornire risposte adeguate rispetto alle problematiche derivanti dall’odierna sfida ecologica. Si avverte quindi la necessità di costruire nuovi paradigmi per regolare il rapporto tra l’uomo e la realtà circostante. In proposito, la teoria dei beni comuni può offrire alcuni contributi significativi, sia perché si sofferma sul profilo della gestione del bene, sia perché valorizza la pluralità degli interessi che si appuntano sulle risorse naturali. In particolare, si avverte l’esigenza di accompagnare la riflessione con adeguati approfondimenti sulla teoria del contratto, proprio perché si tratta di costruire le regole che presiedono alla gestione del bene da parte di una collettività.

The current debate shows an increasing attention for the environmental issues; in this scenario, the attention is focused mainly on ownership, which is meant as a general scheme to frame the relationship between the mankind and the goods, including natural resources. Once experimented in practise, however, ownership, as traditionally conceived, does not seem to be able to give adequate answers to the issues raised by the current environmental challenges. There is the need to build up new schemes in order to regulate the relationship between the mankind and the surrounding context. The doctrine on commons may provide with some relevant support in this respect, because this doctrine is focused on the management of the resource and because it emphasizes the plurality of interests concerning the natural resources. In this perspective, one perceives the need to reflect on contract theory, exactly because one shall build up the rules concerning the management of a certain resource by a certain community.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved