• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata

La Pubblica Amministrazione ed i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

SKU: 9917368005
Autore:
Picaro Raffaele
Estratto Rivista

Le Corti Salernitane 3/2017

Array
49,99 €

PDFStampaEmail

Muovendo dall’emanazione del d.lgs. n. 231 del 2002, il lavoro approfondisce l’itinerario legislativo e giurisprudenziale finalizzato ad operare una progressiva parificazione fra soggetti privati e Pubblica Amministrazione per quel che concerne il rispetto dei termini di pagamento nelle transazioni commerciali. Un percorso accidentato che, pur risentendo del condizionamento di norme espressive di poteri autoritativi, ha tentato di realizzare un riequilibrio dei rapporti di forza fra ente pubblico e privato contraente, provando ad innestare un modello di relazioni imperniato sul principio della tendenziale pari rilevanza dei contrapposti interessi. Ma, malgrado gli sforzi del legislatore comunitario, una posizione di favor per la Pubblica Amministrazione sopravvive comunque. Sicché lo scenario normativo che si è determinato con il novellato d.lgs. n. 231 del 2002 e con la normazione successiva, al vaglio della effettività, presenta indubbie discrasie che incidono, fortemente sull’intima razionalità ed unitarietà che pure, per definizione, dovrebbe connotare il contesto ordinamentale. Al di là delle proclamazioni, la tutela concreta dei diritti del creditore delle pp.aa., nella prassi applicativa si infrange in ostacoli tali da ingenerare il significativo rischio di un mancato raggiungimento degli obiettivi sottesi alle disposizioni normative di derivazione comunitaria, con evidente compromissione del principio della concorrenza, id est delle pari opportunità per gli operatori del mercato aperto. Se ne deduce che, pur riconoscendo la meritorietà dei segnali incoraggianti lanciati, nella prospettiva considerata, dal d.lgs. n. 231 del 2002 e ss.mm.ii., l’ordinamento giuridico italiano è ancora ben lungi, anche a causa di una certa schizofrenia ma, anche, ipertrofia legislativa, dall’aver raggiunto un effettivo equilibrio fra le esigenze contrapposte della p.a. e quelle degli imprenditori che forniscono ad essa beni e servizi. Più governi hanno provato a smaltire l’arretrato di fatture da saldare della p.a. Qualcosa si è mosso e anche i tempi di pagamento medio si sono posti in una corsia di lenta decrescita. Ma c’è ancora molto da fare e la strada appare tutt’altro che in discesa.

Beginning from the issuing of legislative Decree n. 231 of the year 2002, this work deepens the legislative and jurisprudence itinerary aimed at operating a progressive equalization between private Entities and Public Administration, as far as respect of payment terms is concerned. A rough path that while affected by the conditioning of expressive rules decided by authority powers, attempted to obtain a new balance of the strength relationships between a public Body and a private contractor, trying to introduce a relationship model based on the principle of the underlying equal relevance of counterposed interests. Yet, in spite of the EU legislator’s effort, a favor position towards Public Administration survives in any case. Thus the legislative scenery established by the recounted law Decree n. 231 of the year 2002 and by subsequent regulations, with an accurate examination of the effectiveness, presents undeniable discrepancies, strongly affecting the profound rationality and unity nature that should as a definition characterize the law context. Apart from discussion proclamations, the real defense of Public Administration creditors’ rights in practice clashes against obstacles producing significant risks of failed achievement of the targets underlying UE originated law regulations, with a clear impairment of the competition principle, id est of the equal opportunities to which open market operators are entitled. We therefore must deduce that even though we may acknowlede the encouraging signals sent, in the considered perspective, by law Decree n. 231 of the year 2002 and subsequent modifications, Italian juridical regulations are still far from achieving a real balance between the counterposed necessities of Public Administration and entrepreneurs offering goods and services.to it, most probably due to both a law schizophrenia and hypertrophy. More than one government has tried to find solutions for Public Administration envoice arrears paying out. Something has moved so far and even medium payment terms are starting to decrease. But there’s still much to do and the path is far from being downhill.

E-Book: Formato PDF Scaricabile

9917368005.pdf
Nr. Pagine
53
Formato
PDF