NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
La novella del 2016 dell’art. 2929-bis c.c.
SKU: 9916368003
Franco Rosario
12,99 €

Nr. Pagine:
13
Estratto Rivista

Le Corti Salernitane 3/2016

Formato:
PDF

La novella del 2016 (art. 4, comma 1 bis del D.L. 3 maggio 2016, n. 59, convertito nella Legge 30 giugno 2016, n. 119, in vigore dal 3 luglio 2016), a meno di un anno dall’introduzione dell’innovativa facoltà per il ceto creditorio di trascrivere, contro il debitore, pignoramento su beni immobili o mobili registrati anche se già oggetto della costituzione di vincoli di indisponibilità o di atti di trasferimento a titolo gratuito a terzi, bypassando la (prima) necessaria fase di cognizione ordinaria introdotta con l’esercizio dell’azione revocatoria, subisce importanti modifiche, volte a chiarire alcuni dubbi interpretativi sorti all’indomani dell’entrata in vigore dell’art. 2929-bis (introdotto per effetto dell’art. 12 del D.L. 27 giugno 2015, n. 83 convertito nella Legge 6 agosto 2015, n. 132). Il contributo analizza le novità e prova ad inquadrale sistematicamente nell’ambito della disciplina dell’esecuzione forzata, verificando i possibili conflitti che la nuova disposizione è idonea a configurare tra creditori del disponente e dell’avente causa, tra creditori e terzi sub-acquirenti nonché la (discussa) regolamentazione del carico dell’onere probatorio.

The law amendment of 2016 (article 4,paragraph 1-bis of D.L. No. 59 dated 3rd May 2016, converted into Law No. 119 dated 30th June 2016, in force from 3rd July 2016), less than one year from the introduction of the innovative right for the class of creditors to transcribe, against the debtor, an attachment on registered real estate or personal property, even if already subject to unavailability constraints or gratuitous deeds of transfer to third parties, bypassing the (first) necessary ordinary cognition phase introduced with an action brought to set aside, undergoes important changes, aimed at clarifying a number of interpretation uncertainties following the entry into force of article 2929-bis (introduced as a result of article 12 of D. L. No. 83 dated 27th June 2015, converted into Law No. 132 dated 6th August 2015). The contribution analyses the new features and endeavours to classify them systematically in the context of the enforcement discipline, verifying the possible conflicts that the new provision is able to set up between the creditors of the grantor and the assignee, between the creditors and third-party sub-buyers, as well as the (discussed) regulation of the responsibility of the onus of proof.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved