NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Gli argomenti per una relativizzazione del principio di non interferenza tra regole di validità e regole di condotta nella selezione del rimedio alle scorrettezze dell’attività pre
SKU: 9916368004
Maisto Filippo
18,99 €

Nr. Pagine:
19
Estratto Rivista

Le Corti Salernitane 3/2016

Formato:
PDF

Il saggio individua le ragioni per prospettare un apparato valutativo corrispondente alla metafora della «relativizzazione del principio di non interferenza tra regole di validità e regole di condotta». In quest’ottica, la Drittwirkung del prevalente principio di adeguatezza dei rimedi/effettività della tutela è in grado di giustificare le regole operative della nullità del contratto nei seguenti casi: violazione del divieto di pratiche commerciali scorrette; inottemperanza agli obblighi di etichettatura dei prodotti alimentari. In caso di inadempimento degli obblighi d’informazione nelle operazioni d’intermediazione mobiliare, invece, non ci sono motivi per escludere soluzioni decisorie conformi al tradizionale principio di non interferenza tra regole di validità e regole di condotta, purché si chiarisca che la prestazione risarcitoria deve essere commisurata all’intera perdita finanziaria.

The paper identifies the reasons to present an evaluative apparatus corresponding to the metaphoric expression «relativisation of the “principle of non-interference between ‘regole di validità’ e ‘regole di condotta’”». In this perspective, applying directly the predominant «principle of the suitable remedy/effectiveness» it’s right to decide the voidness of contract in the following cases: contravention of unfair commercial practices prohibition; noncompliance concerning mandatory food informations. Instead, in the case of omission of information by the investment intermediary there are no reasons to derogate from the «principle of non-interference between “regole di validità” e “regole di condotta”», provided that the compensation for damages covers the whole financial loss.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved