“Perdite finali” e proporzionalità: un problema che deve essere risolto dal legislatore
SKU: 9914368013
Barreiro Carril Maria Cruz
14,99 €

Nr. Pagine
15
Estratto Rivista
Formato
PDF

Il presente lavoro analizza uno dei problema che si trovano ad affrontare le societá che desiderano espandere la loro attivitá oltre i confini nazionali, nell’ambito dell’Unione Europea: l’impossibilitá di compensare perdite societarie transfrontaliere, deriva dall’applicazione, da parte dell’Home State, del principio di territorialitá. Anche se sembra evidente che la suddetta impossibilitá contrasta con lo spirito del mercato unico, la problematica se l’impossibilitá deve essere considerata contraria al diritto dell’Unione Europea non é di facile risoluzione. Tale considerazione si evidenzia in una serie di sentenze della Corte di Giustizia, non esenti da critiche da parte della dottrina. Uno dei aspetti piú controversi é rappresentato dalle concetto di “perdite finali”, che implica che l’Home State debba permettere la deduzione delle perdite straniere quando non sia possibile utilizzarle nell’Host State. Il lavoro realizza un’analisi delle suddette sentenze, evidenziando il problema che derivano dalle stesse e sottolinea la necessitá che lo Stato adotti mezzi legislativi in materia.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy