NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Il principio di autodeterminazione interna nel diritto internazionale: progressi e fallimenti di un diritto fondamentale
SKU: 9918282004
Iovane Massimo
19,99 €

Nr. Pagine:
20
Estratto Rivista

Il Foro napoletano 2/2018
Vai alla Rivista

Formato:
PDF

Il presente contributo ha analizzato il fondamento del c.d. principio di autodeterminazione interna nell’àmbito del diritto internazionale. Dopo aver brevemente passato in rassegna le disposizioni di diritto internazionale pattizio in tema di autodeterminazione dei popoli l’autore ricostruisce il dibattito dottrinario sulla natura e sul contenuto del principio di autodeterminazione interna ed attua un’indagine sulle modalità di attuazione del principio in questione, verificando se sussistono sistemi di garanzia sanciti dal diritto internazionale generale e da quello pattizio. Tale analisi è stata suddivisa in due parti. Da un lato è stata esaminata l’interazione tra la dimensione interna del principio di autodeterminazione dei popoli e i c.dd. «princípi della conservazione», che si identificano soprattutto nel principio di non intervento negli affari interni e nel rispetto della sovranità. In secondo luogo, sono stati discussi i meccanismi di garanzia di natura convenzionale predisposti dalle organizzazioni regionali. L’autore conclude dunque nel senso che, a dispetto della totale irrilevanza del principio di autodeterminazione interna nel diritto internazionale classico, oggi si può propendere per una visione ottimistica e favorevole ad un graduale riconoscimento della natura giuridica (e non solo politica) del principio de quo.

The present article analyses the international law foundations of the internal dimension of the principle of self-determination. After having briefly analysed the international law rules concerning, in general terms, the principle of self-determination, the Author carries out an analysis of the internal dimension of this principle both from the perspective of its content and the ways in which the principle is applied in international law, with the aim of understanding whether international law somehow guarantees the respect of this principle. Such an analysis has been divided in two parts. Firstly, the Author analyses the relationship between internal self-determination and the principles related to the protection of State sovereignty, such as the prohibition of intervention in domestic affairs. Secondly, the paper discusses the guarantees set forth by international treaties enacted by regional organizations. The Author concludes by saying that, notwithstanding the initial irrelevance of the internal dimension of self-determination in international law, it is nowadays possible to assume a more optimistic view in favour of a partial recognition of the legal (and not only political) nature of such a principle.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved