NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
I diritti dei comunisti sui beni pro indiviso
SKU: 9918282001
Bandieramonte Carlotta - Conforti Carlo
28,99 €

Nr. Pagine:
29
Estratto Rivista

Il Foro napoletano 2/2018
Vai alla Rivista

Formato:
PDF

La sentenza della Corte di Cassazione a Sezioni unite del 15 marzo 2016, n. 5068 è intervenuta a definire, seppure in via meramente incidentale, come bene altrui (o eventualmente altrui) il bene in comproprietà, quando questo sia parte di un compendio composto da piú beni. Se il diritto romano è sempre stato orientato a riconoscere al condividente una quota ricadente sul singolo bene (sicché a due comproprietari, per un mezzo ciascuno, di due immobili doveva essere riconosciuto un diritto pari ad un mezzo su ogni immobile), certamente, all’accoglimento di una simile soluzione osterebbe la natura dichiarativa che nel nostro ordinamento assume la divisione. Un percorso argomentativo di tipo storico-critico, tuttavia, potrebbe portare a nuove soluzioni.

The decision n. 5068 of the Joined Chambers of the Court of Cassation of March 15, 2016, intervened to define, even if as a merely incidental question, as a good of others (or possibly of others) an asset in co-ownership, when this is part of a compendium composed of several assets. If the Roman law has always been oriented in recognizing the shareholder’s quota of the individual asset (in a way that two co-owners, for a half each, of two immovable property had to be recognized as co-owners of an equal right on each property), certainly, the declarative nature that the property splitting has in our system is an obstacle to acceptance of such a solution. A historical-critical argumentative pathway, however, could lead to new solutions.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved