NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
La sola disponibilità dei parenti entro il quarto grado a prendersi cura del minore non esclude la declaratoria dello stato di abbandono
SKU: 9916182010
Russo Giuseppe Maria
19,99 €

Nr. Pagine:
20
Formato:
PDF

La sentenza in commento, attraverso una precisa indagine delle circostanze di fatto, ribadisce, condivisibilmente, la centralità dell’interesse del minore nel giudizio relativo alla declaratoria dello stato di abbandono. Non è sufficiente che il minore, trascurato dai genitori, possa godere dell’apporto sostitutivo dei nonni per escludere lo stato di abbandono se quest’ultimi non siano in grado di offrire cure materiali e morali idonee ad assicurare l’interesse del bambino. La dichiarazione dello stato di adottabilità, dunque, non trova ostacolo nel riconoscimento del diritto del minore di essere educato nell’àmbito della famiglia d’origine, atteso che, l’art. 1, l. n. 184 del 1983, esprime unicamente una scelta preferenziale che può essere sacrificata qualora le circostanze di fatto palesino una inadeguatezza del nucleo familiare a garantire al minore uno sviluppo armonico ed equilibrato nel suo naturale processo di crescita.

The judgment under review, through a precise investigation of the facts, insists, on the principle, and it can be surely shared, that the welfare of the child is central to the opinion on the declaration of the state of neglect. It is not enough that the child, neglected by parents, can enjoy his grandparents the replacement, to exclude the state of abandonment in the case the latter are not able to offer material and moral treatment, such that can ensure the child's interest. The declaration of the state of adoptability, therefore, finds no obstacle in the recognition of the right of the child to be brought up within the family of origin, given that art. 1, l. n. 184/1983, only expresses a preferential choice that can be sacrificed if the factual circumstances show an inadequacy of the family household to ensure that the minor harmonious and balanced development in its natural growth process.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved