NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Sul (presunto) principio di sinteticità nella redazione degli atti processuali civili
SKU: 9918170003
Panzarola Andrea
20,99 €

Nr. Pagine:
21
Estratto Rivista

Il giusto processo civile 1/2018

Formato:
PDF
ISSN:
1828-311X

La Cassazione ritiene che esista nel giudizio civile un principio processuale di sinteticità che dovrebbe sovrintendere alla redazione degli atti giudiziari di parte. Gli indici normativi, sul fondamento dei quali tale presunto principio vorrebbe essere fondato, non sono però rilevanti nel processo civile. Allo stato non esiste un principio di sinteticità vincolante nel processo civile. La continenza espositiva, certo opportuna, resta affidata al costume giudiziario e tutt’al più a forme di diritto mite.

The Italian Supreme Court wants to establish a binding legal principle in civil justice aimed at ensuring simplicity and brevity in written pleading. The purpose of this essay is to demonstrate that such a principle does not exist at present in Italian civil justice. The objectives of simplicity and brevity may not interfere therefore with the implementation of the leading principles of civil justice.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved