NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Le ADR e la composizione stragiudiziale delle controversie: obblighi ed opportunità per il sistema della giustizia civile
SKU: 9917170002
Bove Mauro
47,99 €

Nr. Pagine:
48
Formato:
PDF
ISSN:
1828-311X
L’autore, dopo aver distinto nell’ambito delle ADR gli strumenti di giustizia alternativa (arbitrato) da quelli di alternativa alla giustizia (percorsi negoziali), fa emergere soprattutto le opportunità e gli obblighi che nell’ambito di questi ultimi emergono nel diritto italiano. Dal primo punto di vista si ricordano tutte le previsioni speciali che, al di là del diritto comune contenuto nel codice civile, consentono di fornire ai percorsi negoziali specificamente disciplinati elementi di protezione e di maggiore utilità. Dal secondo punto di vista emerge il modo in cui il legislatore sta costruendo una serie di obblighi graduati: dall’obbligo per le parti di tentare alcuni percorsi negoziali, e magari di farlo con effettività, fino all’obbligo di non far fallire i tentativi negoziali, ossia di accettare proposte conciliative ragionevoli. Emerge, infine, il quadro sanzionatorio e, più in generale, il ruolo del giudice nell’individuazione delle fattispecie di abuso del processo e dei modi concreti per reprimerlo.

Regarding ADR, the Author distinguishes between “alternative justice means” (arbitration) and “alternative means of justice” (mediation, negotiation, reconciliation) and then points out possibilities and obligations about the second category in Italian law. Under the first profile, the Author highlights special rules setting opportunities and protections inside “alternative means of justice”. As to the second profile, the Author points out how legislator is creating several “graduated obligations” as the parties’ duty of attempting at those “alternative means of justice” or not failing them, for example accepting reasonable conciliatory proposals. At last, The Author treats of sanctioning regime and judge’s role particularly in case of abuse of process.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved