NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
L’interesse ad eseguire tra valore del diritto e abuso del processo (note a margine di Cass. 3 marzo 2015, n. 4228)
SKU: 9915470001
Costantino Giorgio
28,99 €

Nr. Pagine:
29
Formato:
PDF
ISSN:
1828-311X

Si considera la compatibilità con il sistema dell’affermazione per la quale non sussiste l’interesse ad agire a tutela dei diritti di modico valore. Si esaminano i diversi strumenti processuali per la definizione delle controversie di modesta entità: la competenza per valore, la previsione di procedimenti semplici, il giudizio di equità; la possibilità di definire i procedimenti esecutivi singolari e concorsuali se i creditori non possono essere soddisfatti; i limiti alla riscossione coattiva; la riduzione del pignoramento. Si considerano, quindi, gli impedimenti al frazionamento del credito, i limiti al risarcimento dei danni che non superano la normale tollerabilità e il divieto degli atti emulativi. Si dà conto delle limitazioni alla tutela dei crediti tributari e previdenziali. Si conclude nel senso che non può ammettersi la negazione dell’accesso alla tutela giurisdizionale per i diritti di modico valore. Si mette in evidenza che l’ingolfamento della giustizia dipende anche dal rifiuto del debitore di adempiere e che, pertanto, gli strumenti utilizzabili dal giudice consistono nella applicazione della disciplina sulle spese, nonché nelle sanzioni disciplinari nei confronti dei difensori.

The paper faces issues concerning mootness for small claims. Proceedings for small claims are examined with reference to: determination of venue, provision for summary proceedings, equity judgement; the possibility to adjudicate enforcement proceedings or bankruptcy proceedings if creditors can’t be payed; forced collection limits; seizure reduction. Credit splitting obstacles are also considered, in addition to limits for damages not exceeding the normal tolerability and the prohibition of frivolous claims for damages. Limits concerning social security and tax related credits are also considered. I affirm that denial of access to justice cannot be accepted not even for small claims. I also hold that justice administration problems also depends on debtor denial of fulfilment of its obligations and that Courts tools to contrast those matters are lawyers’ fees determination and disciplinary sanctions for attorneys.