NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Il principio di sinteticità degli atti processuali
SKU: 9915470011
Storto Alfredo
26,99 €

Nr. Pagine:
27
Formato:
PDF
ISSN:
1828-311X

Il principio di sinteticità degli atti del processo è al centro di un importante dibattito che è cresciuto nel tempo. Nel processo amministrativo è stato esplicitamente introdotto dalla legge come obbligo per il giudice e per le parti insieme al principio di chiarezza degli atti. Il fatto che chiarezza e sinteticità siano poste insieme rivela che questa previsione è utile soprattutto per garantire il diritto delle parti a difendersi nei confronti di atti difficilmente comprensibili perché troppo lunghi e poco chiari. Non esiste oggi nel processo italiano, sia civile sia amministrativo, un sistema compiuto di sanzioni che assicuri la sinteticità e la chiarezza degli atti, anche se il legislatore sta introducendo, soprattutto nel processo amministrativo, alcuni strumenti specifici per assicurare il rispetto di questi principi. Infine, la necessità di avere un processo più veloce e rispettoso del diritto di difesa va garantita anche attraverso altri strumenti: soprattutto con maggiori risorse umane e finanziarie e con norme che rendano più centrale il ruolo del giudice nel regolare i tempi del processo e la lunghezza degli atti, in modo da adattare la complessità del processo alla complessità delle questioni trattate.

The principle of conciseness with regard to the papers (pleadings, parties’ defense and court’s decisions) of the judicial proceeding has become the focus of an important debate that has grown at late. In the administrative process such principle has been explicitly introduced by a provision of law as an obligation for the judge and the parties along with the principle of clarity of the acts. The circumstance that clarity and conciseness are put together shows that conciseness is useful especially to ensure the parties’ right to defence against acts which are difficult to understand because of their length or lack of clarity. Nowadays in judicial proceedings, both civil and administrative, there is not a complete system of sanctions able to ensure the conciseness and clarity of the judgement, although the law, regulating the administrative judicial proceedings, has introduced some specific remedies in order to ensure compliance with these principles. Finally, the need to a faster and fair trial must be guaranteed through other instruments: especially increasing human and financial resources and setting out standards that could strangthen the role of the judge in ruling the duration of trials and the length of the judicial acts, in order to adapt the complexity of the process to the complexity of the issues.