Responsabilità per danni nella crisi dei rapporti familiari: sanzioni e risarcimento
SKU: 9919289005
Lasso Anna
32,99 €

Nr. Pagine
33
Estratto Rivista

Diritto delle successioni e della famiglia 2/2019

Vai alla Rivista

Formato
PDF
Issn
2421-2407

L’inadempimento dei doveri genitoriali pone il problema della compatibilità degli strumenti della responsabilità civile con l’assetto dei rapporti familiari. L’art. 709-ter c.p.c., accanto a rimedi prettamente sanzionatori, stabilisce il risarcimento del danno in favore del figlio minore o del genitore leso dal comportamento dannoso dell’altro. L’attuale revisione critica delle funzioni della responsabilità aquiliana impone di considerare il risarcimento previsto in àmbito familiare in una prospettiva diversa da quella reintegratoria. Quando la condotta di un genitore si presenta particolarmente grave, per gli effetti negativi prodotti sugli interessi esistenziali, soprattutto del minore, non sembra possibile escludere un risarcimento aggravato con funzione dissuasiva degli illeciti. Superata l’interpretazione letterale dell’art. 709-ter c.p.c., problema di fondo è adeguare il rimedio alla specificità della situazione danneggiata, sulla base della proporzionalità e della ragionevolezza. La qualificazione del risarcimento come misura punitiva non è operazione aprioristica e meccanica, ma valutazione che tiene conto della natura dell’interesse travolto, dell’entità del danno e della riprovevolezza del comportamento del danneggiante.

The non fulfillment of the parental duties questions the compatibility of the instruments of civil liability with the structure of family relationships. The article 709-ter c.p.c., along with purely sanctioning remedies, establishes the compensation for damage in favor of the child or of the parent injured by the harmful behavior of the other. The current critical review of the functions of the civil liability requires considering the compensation provided in the family context in a different way from the reintegratory perspective. When the conduct of a parent is particularly serious, due to the negative effects produced on the existential interests, especially of the minor subject, it does not seem possible to exclude an aggravated compensation with a dissuasive function of the offenses. Exceeded the literal interpretation of the article 709-ter c.p.c., the basic problem is to adapt the remedy to the specificity of the damaged situation, based on the proportionality and reasonableness. The qualification of the compensation for damage as a punitive measure it is not aprioristic and mechanical operation, but an assessment that takes into account the nature of the overwhelmed interest, the extent of the damage and the reprehensiveness of the harmful behavior.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy