NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
«Genitorialità di fatto» ed obblighi di assistenza materiale della prole unilaterale nelle famiglie «ricomposte»
SKU: 9917389005
Laghi Pasquale
26,99 €

Nr. Pagine:
27
Formato:
PDF
ISSN:
2421-2407
Il rapporto che si instaura nelle famiglie «ricomposte» tra «genitore sociale» e «figlio unilaterale» – al di fuori di ogni vincolo formale – non può essere ritenuto giuridicamente irrilevante; infatti, ha contenuto «sostanzialmente» familiare, in quanto contrassegnato dai caratteri della «significatività degli affetti» e della condivisione di una comune «vita familiare», da parte loro identificativi della nozione stessa di famiglia. È possibile, quindi – nel silenzio della legge – ritenere che il «genitore sociale » si trovi rispetto al «figlio unilaterale» convivente in una situazione di «contatto sociale qualificato», tale da porlo in una posizione di garanzia verso quest’ultimo e da dar luogo ad un vero e proprio obbligo di assistenza materiale del minore, attivabile in via «suppletiva» ossia nell’ipotesi di inadempimento dei genitori biologici, anche qualora sia intervenuta la disgregazione della famiglia «ricomposta».

The relationship that develops in «blended families» «stepparent» and «unilateral son» – outside of any formal constraint – can not be held legally irrelevant; in fact, it has to be considered «substantially» as a family constraint, as marked by the «significance of the affections» and by the sharing of a common «family life», from their identification of the very notion of family. So it’s possible – in the silence of the law – to believe that the «stepparent», concerning the position of the cohabiting «unilateral son», is in a situation of «qualified social contact», as to place him in a position of security to the latter and give rise to a real obligation to support the child, that can be activated «supplementary » which means in the event of non-performance of the biological parents, even in case of the breakdown of the «recomposed» family.
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved