Il risarcimento del danno ingiusto nella logica del Codice del processo amministrativo: brevi osservazioni di costituzionalità
SKU: 9911273004
Poli Gianmarco
29,99 €

Nr. Pagine
15
Estratto Rivista

Diritto e processo amministrativo 2/2011

Formato
PDF

Il contributo affronta il tema dell' azione risarcitoria nel processo amministrativo, alla luce delle innovazioni introdotte dal d. lgs. 2 luglio 2010, n. 104, che, in attuazione della legge 18 giugno 2009, n. 69 (art. 44 ), ha approvato il Codice del processo amministrativo. In particolare si passa in rassegna, sotto il profilo della legittimità costituzionale, la scelta del legislatore delegato di introdurre un termine decadenziale abbreviato (120 giorni) cui assoggettare la proposizione della domanda di risarcimento derivante dalla lesione di interessi legittimi. Il giudizio che se ne ricava e decisamente critico, evidenziandosi sul punto un conflitto tra la previsione codicistica (art. 30) e le norme Costituzionali di cui agli artt. 3, 14, 111 e 113, nonche la presenza del vizio di eccesso di delega. A fronte di tali censure si offre un panorama, ancorche breve, di soluzioni conservative che consentano di superare, per via interpretativa, il contrasto con le regole costituzionali su richiamate, senza dover ricorrere ad una pronuncia di incostituzionalità.

The paper examines the issue for claims in administrative law procedure in the light of the innovations introduced by Legislative Decree no. 104 of 2 July 2010 which, in accordance with law no. 69 (article 44) of June 18, 2009, approved the Code of administrative law procedure. In particular, the choice of legislator appointed to introduce a short-term (120 days) expiry following the submission of a proposition of a claim for damages resulting from an impairment of legitimate interests is analysed in terms of its constitutional legitimacy. The assessment deriving from this analysis is highly critical, and highlights the conflict between the provisions of civil law (article 30) and the constitutional requirements of articles 3, 14, 111 and 113, and the presence of the flaw of excessive delegation. In the light of such criticism, an albeit brief overview is provided of conservative solutions that allow for the possibility of solving, through interpretation, the conflict with the constitutional rules on summons, without having to resort to a ruling of unconstitutionality.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy