NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Verificazione e consulenza tecnica d’ufficio nel quadro dei mezzi di prova esperibili nel processo amministrativo
SKU: 9918373002
Clemente di San Luca Guido
39,99 €

Nr. Pagine:
40
Estratto Rivista

Diritto e processo amministrativo 3/2018

ISSN:
1971-6974

Il contributo analizza la verificazione e la consulenza tecnica d’ufficio nel quadro dei mezzi istruttori nel processo amministrativo alla luce della disciplina dettata dal Codice del Processo Amministrativo del 2010. Dopo aver ricordato per brevi cenni come il tema si inserisca in quello più ampio dell’attività istruttoria nel processo amministrativo, lo studio prova a chiarire le ragioni della distinzione dei due mezzi istruttori, del diverso valore da riconoscere ad essi, della loro diversa funzione e conseguente utilizzabilità. Solo la verificazione, invero, integra una vera e propria prova, la C.T.U. consistendo, invece, in un mezzo volto essenzialmente ad illuminare il giudice, costituendo cioè soltanto uno strumento per la ricerca della prova, e dunque il mezzo per consentire al giudice di capire se si può rinvenire nell’atto impugnato un sintomo di eccesso di potere. Il saggio si conclude completando il quadro ricostruttivo, da un canto, con la sintetica illustrazione degli ulteriori mezzi di prova e delle ragioni che spiegano la inammissibilità dell’interrogatorio formale e del giuramento, e, dall’altro, con una breve riflessione sui criteri di valutazione delle prove da parte del G.A.

The paper analyses ‘verification’ and ‘technical expertise ex officio’ in the context of evidence and investigative activities in the administrative trial after the enactment of the Code of Administrative Trial in 2010. After briefly explaining how the topic is collocated in the broader framework of evidence and investigative activities, the study tries to clarify the reasons of the distinction, the different value and function between verification and technical expertise ex officio and the consequent possibility for the judge to use them in the administrative trial. Indeed, only verification can be identified as a true mean of evidence, while technical expertise ex officio consists in a tool essentially aimed to enlight the judge knowledge. In other words, technical expertise ex officio must be considered as a way to seek for judicial evidence, which allows the judge to understand the scientific aspects of the matter enabling him to recognize a symptom of abuse of power in the administrative act that is being challenged. Finally, after giving a brief overview of the other means of evidence, the paper tries to clarify, on one hand, why formal questioning and taking the oath are not admissible in the administrative trial, and, on the other hand, which are the criteria the administrative judge must follow when he evaluates evidence.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved