NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Brown economy, green economy, blue economy: l’economia circolare e il diritto dell’ambiente
SKU: 9918373003
Ferrara Rosario
34,99 €

Nr. Pagine:
35
Estratto Rivista

Diritto e processo amministrativo 3/2018

ISSN:
1971-6974

Il lavoro cerca di mettere in luce la grande novità rappresentata dal dibattito sulla c.d. economia circolare, la blue Economy, con la quale si cerca si contrastare il tradizionale modello economico, quello della brown Economy. L’economia circolare ha come fondamentale presupposto ed obiettivo quello del riuso, riciclo e recupero dei materiali usati per la produzione di beni di consumo, essendo suo fine ultimo quello di non avere alcun rifiuto in quanto tale (zero Waste) e di contrastare pertanto la logica per la quale vi sarebbero beni e prodotti ad obsolescenza programmata. Il lavoro vuole cogliere l’impatto di queste nuove concezioni sul mondo del diritto, e soprattutto sul diritto dell’Unione europea oltre che del nostro diritto interno. A questo fine si esaminano i principi dei Trattati UE onde dare una base di legittimazione alle politiche, europee e nazionali, volte ad introdurre nei sistemi giuridici regole e principi di più elevata circolarità.

The paper tries to bring to light the great, new concept of the circular Economy, the so called blue Economy, by which the researchers are trying to fight against the traditional model, the so called model of the brown Economy. The basic idea of the blue Economy is to save row materials, and in generally goods and natural resources, also by recycling all kinds of waste. From a circular point of view there is no waste (the goal of the circular policies is zero waste) and there are no «sunset products», no «sunset goods», in other words with a limited cycle of life. The aim of the paper is to catch the impact of the blue Economy on the law, first of all on the law of the European Union and, of course, of the Italian legislation. In this context, it seems very important to analyse the principles and the rules of the European Union (the Treaty of Lisbon and the TFUE) to give a basic, and stronger, legitimacy to the circular policies of the Union and of the national states.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved