NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Qualche riflessione sul potere amministrativo alla luce della recente giurisprudenza penale in caso di mancato esercizio del potere di ordinanza extra ordinem per la pubblica incol
SKU: 9917273005
Vaccarella Maria
9,99 €

Nr. Pagine:
9
Estratto Rivista

Diritto e processo amministrativo 2/2017

ISSN:
1971-6974

L’esercizio o, come nel caso in esame, il non esercizio del potere amministrativo da parte dell’amministratore, in quanto causativo di un evento dannoso, obbliga sia il giudice amministrativo che il giudice penale ad accedere in modo diretto al fatto e dunque alle circostanze che hanno determinato l’evento, alla condotta tenuta dall’amministratore che svolge una pubblica funzione. La valutazione del giudice dunque non può prescindere da tutti quegli elementi che concorrono a comporre il fatto nella sua sostanziale interezza.

The exercise or, as in this case, the non-exercise of administrative power by the administrator, determining a harmful event, forces both the administrative judge that the criminal judge to access directly to the fact and therefore to the circumstances that caused the event, to the conduct by the administrator who performs a public function. The assessment of the judge therefore cannot do without all those elements that combine to compose the fact in its substantial entirety.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved