NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
La funzione nomofilattica nell’età dell’incertezza
SKU: 9917273001
Liguori Fiorenzo
13,99 €

Nr. Pagine:
14
Estratto Rivista

Diritto e processo amministrativo 2/2017

ISSN:
1971-6974

La tendenza al rafforzamento delle filiere di nomofiliachia investe anche la giustizia amministrativa ed esprime una esigenza di maggiore certezza e prevedibilità del formante giurisprudenziale. La centralità del valore della certezza si manifesta anche nelle innovazioni introdotte per rendere meno complessi i rapporti tra cittadini e amministrazioni, per quanto non manchino opacità nelle stesse normative di semplificazione e l’intero quadro istituzionale, anche per ciò che attiene ai profili della tutela giurisdizionale, risulti in continuo fermento. Nel complesso lo stato di salute della certezza del diritto non appare dei migliori sia perché è ben viva e vivace una influente scuola di pensiero che professa il valore dell’incertezza in pretesa funzione antiautoritaria sia perché si assiste con preoccupazione al formarsi di una giurisprudenza «a fisarmonica» espressa dalle stesse Alte Corti ed in particolare dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione sulle tematiche inerenti alla giurisdizione.

The role of the administrative justice in the uniform interpretation of law is becoming progressively more important in order to improve the certainty of jurisprudence. The relevance of certainty is confirmed by the introduction of new institutions aimed to simplify the relationship between citizens and public administrations, even if the regulation is still too complicated. As a whole, law’s certainty is still far because whether a doctrine gives value to uncertainty as a means to reduce authority and the jurisprudence of the High Courts (civil and administrative) is too fickle.