NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
L’azione civilistica ex art. 2932 cod. civ. nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo: considerazioni sugli effetti della sentenza Cass. Sez. Unite, n. 4683/2015
SKU: 9916173008
Capuzza Vittoria
11,99 €

Nr. Pagine:
12
ISSN:
1971-6974

La Cass. S.U. nella sentenza n. 4683/2015, ripercorrendo la pronuncia del Consiglio di Stato Ad. Pl. 20 luglio 2012, n. 28, ha affermato che nella giurisdizione esclusiva il giudice, oltre a garantire ai diritti la medesima tutela con l’esercizio delle stesse azioni che sono esperibili davanti al giudice ordinario, conosce di ogni controversia, qualunque sia la posizione delle parti. Il giudice amministrativo munito di giurisdizione esclusiva è giudice del rapporto, ma sindaca l’esercizio – ai fini specifici della pronuncia costitutiva di esecuzione specifica dell’obbligo a contrarre – di un potere amministrativo. È, quindi, soltanto con riferimento alle controversie elencate nell’art. 133 c.p.a. che può discutersi dell’ammissibilità dell’azione di cui all’art. 2932 c.c., nell’ambito del processo amministrativo. Il riconoscimento offre spunti di riflessione e di critica, evidenziando motivi di contraddizione sistematica e di incongruenze teoretiche.

The joint sitting of the divisions of the Court of Cassation in its judgment n. 4683/2015, following the decision of the Plenary meeting of the Council of State July 20, 2012, n. 28, ruled that in the exclusive jurisdiction the judge knows of any dispute, whatever the position of the parties, in addition to providing the same protection rights through the exercise of the same actions that are available before the ordinary courts. The administrative judge, in the exclusive jurisdiction, is judge of the relationship, but evaluates the exercise of an administrative power, by enacting the pronunciation of specific execution of the obligation to contract. The action referred to in art. 2932 c.c., under the administrative process, is permissible only with reference to disputes listed in art. 133 of the code of administrative process. This account offers thoughts and critique, highlighting systematic contradiction reasons and theoretical inconsistencies.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved