NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Absens haeres non erit. Brevi riflessioni sul diritto alla prova dell’appellato non costituitosi in primo grado
SKU: 9916173006
Saitta Fabio
11,99 €

Nr. Pagine:
12
ISSN:
1971-6974

Lo scritto muove da una recente decisione del Consiglio di Stato, che, chiamato a pronunciarsi su un appello proposto da soggetto assente nel giudizio di primo grado, ha affermato che, nel riferirsi a «nuovi documenti», la deroga al divieto di ammissione di prove prevista dall’art. 104 c.p.a. evoca un’attività di integrazione documentale, che esclude una produzione totalmente ex novo, ma presuppone una già avvenuta produzione di altri documenti in primo grado. Dopo aver individuato le ipotesi in cui viene, di regola, ravvisata la causa non imputabile alla parte che rende ammissibile la nuova produzione documentale in appello ed aver illustrato le ragioni che inducono ad escludere che la circostanza che la parte non si sia costituita in primo grado possa giustificare una produzione documentale tardivamente operata, per la prima volta, in appello, l’A. dimostra come sia a tal fine del tutto irrilevante, ai fini del divieto di nova, che il documento mai versato sinora agli atti del processo sia in qualche modo connesso, o meno, ad una precedente documentazione ritualmente prodotta, invece, in prime cure.

The paper draws from a recent decision of the State Council which decides on an appeal brought by subject absent in the judgment of first instance; in this judgment the administrative judge stated that, in referring to «new documents», the exception to the prohibition of admission of evidence provided by art. 104 of the code of administrative procedure indicates a document integration tasks, which excludes a production totally ex novo, but assumes a production of other documents already made at first instance. The work identifies the event that is, as a rule, seen the cause not attributable to the part that makes it eligible for the new documental production in appeal; and after explaining the reasons which preclude that the part non present in first instance can justify a late documental production, for the first time on appeal, the Author demonstrates how it is irrelevant, for the purposes of the prohibition of nova, the document never deposited into the acts of the process is somehow connected, or not, to a previous documentation ritually produced in first grade.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved