NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Il diritto alla felicità e il diritto amministrativo
SKU: 9910473001
Ferrara Rosario
46,99 €

Nr. Pagine:
47
Formato:
PDF

Il lavoro prende le mosse da un notevole contributo in materia dell’amico e collega indimenticabile Franco Pugliese al quale si fa ampio riferimento e passa altresì in rassegna i più recenti contributi sul punto, anche nella dimensione dell’analisi storico-filosofica. In questo senso, il diritto amministrativo, in quanto diritto di garanzia, gioca un ruolo di rinconciliazione, fra le pretese e le aspettative dei privati e le ragioni degli interessi collettivi e generali. Particolare attenzione è rivolta alla costituzione degli Stati Uniti d’America ed a quella giapponese che tale diritto hanno in qualche modo enunciato. L’approccio e le conclusioni sono tuttavia caute in quanto il diritto (e segnatamente il diritto amministrativo) non può che meramente contribuire ad aprire vie e percorsi nella direzione di una felicità relativa e pertanto provvisoria. La «verità» è infatti «labirintica» e per cercarne la via il diritto costituisce comunque un irrinunciabile filo di Arianna.

The paper has his roots in an important work of Franco Pugliese, dear and unforgettable friend and colleaugue. The paper tries also to show, from an historical and philosophical point of view, how the «right to be happy» (the right to the happiness) has been important in the context of the history of the ideas. So, it also seems to be true that administrative law can play a role of guarantee, in other words a role of reconcilation between the citizens (the private interests)and the public interest. The paper analyses as welll the USA and the Japanese Costitutions because they enunciate, in some way, the right to the happiness. The approach and the final point pf view of this paper are, anywyay, cautious and prudent becasuse the admistrative law only can show the way to follow, the way to join a special right («the right to be happy») which always seems to be relative and temporary. The truth is, in fact, like a labyrinth and the law – the social and political function of the law – can surely be like the Ariannas thread.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved