NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Il credito d’imposta per il mecenatismo culturale: luci ed ombre dell’Art bonus
SKU: 9919190003
Alfano Roberta
19,99 €

Nr. Pagine:
20
Estratto Rivista

Diritto e processo tributario 1/2019

Vai alla Rivista

Formato:
PDF

L’art. 1 del d.l. 31 maggio 2014 n. 83 ha istituito nel nostro ordinamento l’Art bonus, per potenziare sia pure indirettamente, attraverso la leva fiscale, il contributo pubblico alla conservazione e al recupero dei beni culturali. L’Art bonus è una agevolazione fiscale posta in essere sotto forma di credito d’imposta, che meglio si adatta a realizzare finalità extrafiscali permettendo di semplificare gli aspetti procedurali. A distanza di quasi cinque anni dalla sua applicazioni si rilevano però ancora molteplici limiti applicativi, che non permettono a molte categorie di contribuenti, in particolare i soggetti non residenti, di poterne beneficiare.

The Art. 1 of the Decree-Law n. 83 of May, 31, 2014 established in our legal system the Art bonus. This is to strengthen, although indirectly, the public contribution to the conservation and recovery of cultural assets through the fiscal leverage. The Art bonus is a tax credit, which is best suited to accomplish extra-tax purposes allowing to simplify procedural aspects. However, almost five years after its implementation, there are still a lot of application limitations, which do not allow many categories of taxpayers to benefit from it.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved