NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Il “patrocinio” dell’Agenzia delle entrate-riscossione
SKU: 9918390003
D'Alonzo Michele
17,99 €

Nr. Pagine:
18
Estratto Rivista

Diritto e processo tributario 3/2018

Vai alla Rivista

Formato:
PDF

La legge assicura il “patrocinio” (art. 24 Cost.) – quindi difesa e rappresentanza processuali – dell’Agenzia delle entrate-riscossione in primo luogo demandando alla stessa di individuare, «a base convenzionale», con l’Avvocatura dello Stato, le «tipologie di controversie» assunte dalla seconda («patrocinio autorizzato» ex art. 43 r.d. n. 1611/1933) e attribuendo, di poi, all’“ente” il potere di «avvalersi […] di avvocati del libero foro» per tutte le altre controversie; solo per le controversie «davanti al tribunale e al giudice di pace», poi, l’ente è, «altresí», autorizzato ad «avvalersi ed essere rappresentato […] da propri dipendenti delegati, che possono stare in giudizio personalmente». Nessun mutamento delle vigenti regole si riscontra quanto al «patrocinio» dell’Agenzia delle entrate-riscossioni «davanti alle commissioni tributarie». Il punto 7 del protocollo intervenuto nel 2017 tra Agenzia delle entrate-riscossioni e l’Avvocatura dello Stato esclude espressamente il patrocinio dell’Avvocatura innanzi alla Corte di Cassazione per tutte le cause, introdotte con atti notificati precedentemente il giorno 1° luglio 2017, per le quali le società Equitalia avessero già «conferito incarico ad avvocati del libero foro».

The law ensures the «patronage» (Article 24 of the Constitution) – therefore defense and procedural representation – of the Agenzia delle entrate-riscossioni in the first place by delegating to the same to identify, «conventionally based», with the State Attorney, the «types of disputes» assumed by the second («authorized patronage» under article 43 r.d. n. 1611/1933) and then attributing to the «entity» the power to «avail […] of lawyers of the free forum» for all other disputes; only for disputes before the court and the justice of the peace», then, the body is «also» authorized to «avail itself of and be represented […] by its own delegated employees, who can be in court personally». No change in the current rules can be found as regards the «patronage» of the Agenzia delle entrate-riscossioni «before the tax commission». Point 7 of the protocol that took place in 2017 between the Agenzia delle entrate- riscossioni and the State Attorney explicitly excludes the patronage of the Advocacy before the Court of Cassation for all cases, introduced by documents notified prior to 1st July 2017, for which the Equitalia companies had already «given appointment to lawyers of the free forum».

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved