NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Il ruolo dei giudici nazionali nella tutela dei diritti garantiti dall’ordinamento dell’Unione Europea
SKU: 9917290001
Giacalone Giovanni
33,99 €

Nr. Pagine:
34
Estratto Rivista

Diritto e processo tributario 2/2017

Vai alla Rivista

Formato:
PDF

Dall’inserimento del giudice nazionale in un apparato piú ampio di «tutele giurisdizionali europee», nel quale la funzione giurisdizionale nazionale si viene in vario modo ad integrare, discende l’esigenza che l’autonomia, nel definire le procedure che in concreto fissano la portata della funzione giurisdizionale, sia conformata a parametri che ne garantiscono l’idoneità a dare tutela alle posizioni giuridiche soggettive che sorgono dalle fonti dell’Unione Europea, ciò per non pregiudicare l’esito del processo di integrazione. Dalla complementarietà tra diritti sostanziali dell’Unione Europea e istituti processuali nazionali emerge la necessità che detti istituti si conformino a standards tali da garantire l’effettività del diritto dell’Unione europea; la strumentalità della funzione giurisdizionale nazionale rispetto alla tutela delle posizioni giuridiche di origine comunitaria può cioè tradursi in limitazioni all’autonomia procedurale degli Stati membri, dalle quali potrebbe emergere, incidendo sugli istituti fondamentali del processo, una parziale ricollocazione istituzionale della funzione giurisdizionale stessa.

From the insertion of the national judge into a broader apparatus of “European jurisdictional protections”, in which the national judicial function comes in various ways to integrate, the need arises that autonomy, in defining the procedures that concretely fix the scope of the jurisdictional function, is conformed to parameters that guarantee its suitability to give protection to the subjective legal positions arising from the sources of the European Union, so as not to jeopardize the outcome of the integration process. The complementarity between substantial rights of the European Union and national procedural institutions shows the need for such institutions to conform to standards that guarantee the effectiveness of European Union law; the instrumentality of the national judicial function with respect to the protection of legalpositions of Community origin may be translated into limitations to the procedural autonomy of the Member States, from which the partial institutional relocation of the jurisdictional function could emerge, affecting the fundamental institutions
of the process.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved