• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata

Functional evolution of the right to privacy

SKU: 9921399003
Autore:
Ubertazzi Tommaso Maria
Estratto Rivista

Comparazione e diritto civile 3/2021

Vai alla Rivista

Issn
2037-5662
Array
43,99 €

PDFStampaEmail

This article analyses the progressive evolution of the right to privacy that, over time, has changed its structure and content. Initially focused on the right of a person to be let alone, the privacy law has gradually evolved to satisfy, on the one hand, also other interests of the data subject and, on the other hand, the interests of other actors involved in personal data circulation. The result is privacy aimed at (i) granting to the data subject not only the defensive remedies (such as the right to request erasure, rectification, opposition, etc.), but also the remedies that allow him or her to benefit from the circulation of data in many different forms (such as economic use, the right to data portability etc); and, at the same time (ii) protecting other interests present in the field of data circulation, in consideration of the fact that sharing and collecting personal data generates wealth for the entire community and constitutes a phenomenon that not only cannot be stopped but, above all, the stopping of which would be contrary to the interests of the entire community.

Questo articolo analizza l’evoluzione del diritto alla privacy nella sua struttura e contenuto. Inizialmente considerato un diritto ad essere lasciato solo, ha via via dovuto necessariamente contemplare interessi ulteriori sia dell’interessato che di altri soggetti coinvolti nella circolazione dei dati. Ne è derivata così una legislazione privacy volta: (i) ad accordare al soggetto interessato non solo rimedi difensivi (come la cancellazione, la rettifica, l’opposizione etc.), ma anche positivi per consentirgli tutte le diverse forme di benefici che derivano dalla circolazione dei dati (come l’utilizzazione economica, la portabilità dei dati etc.); e (ii) a tutelare i diversi interessi in campo nel mondo della circolazione dei dati nella consapevolezza che la condivisione e raccolta di essi genera ricchezza per l’intera collettività ed è un fenomeno che non solo non si può arrestare, ma soprattutto sarebbe contrario agli interessi dell’intera collettività.

E-Book: Formato PDF Scaricabile

9921399003.pdf
Nr. Pagine
22
Formato
PDF