Un’ipotesi particolare di datio in solutum: la cessione di opere d’arte quale forma di pagamento delle imposte. Un’analisi comparante
SKU: 9920299006
Di Micco Domenico
18,99 €

Nr. Pagine
19
Estratto Rivista

Comparazione e diritto civile 2/2020

Formato
PDF
Issn
2037-5662

Modellandosi sulla figura della datio in solutum, la legge 512/1982 disciplina la cessione di opere d’arte allo Stato quale forma di adempimento degli obblighi di natura fiscale e tributaria. Tuttavia, a distanza di circa quarant’anni dalla sua entrata in vigore, i risultati restano quantomeno modesti. La comparazione di questa previsione con le corrispondenti esperienze di Francia e Inghilterra ci offrirà gli strumenti per comprendere le ragioni dell’insuccesso italiano.

Following the datio in solutum scheme, the Italian Law 512/1982 regulates the possibility of transferring artworks from a citizen to the State as a fulfilment of his tax obligations. However, about 40 years after the entry into force of this legal instrument, its results remain very modest. The comparison with the corresponding French and English experiences will give us the tools to understand the reasons behind the Italian failure.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy