• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata

Democrazia partecipativa ed ordinamenti di civil law: un focus comparatistico su alcune esperienze territoriali

SKU: 9920199009
Autore:
Pepe Gabriele
Estratto Rivista

Comparazione e diritto civile 1/2020

Vai alla Rivista

Issn
2037-5662
Array
49,99 €

PDFStampaEmail

Il modello della democrazia partecipativa promuove l’ingresso della generalità dei consociati nei processi decisionali, indipendentemente dalla titolarità di posizioni soggettive differenziate e qualificate, al fine di acquisirne interessi e punti di vista capaci di arricchire l’orizzonte valutativo delle Istituzioni. Uno degli ambiti privilegiati di applicazione di tale modello è certamente l’ambito regionale ove il principio consultivo si coniuga con successo al principio di sussidiarietà per la vicinanza tra decisore ed interessi regolati. Si pensi, in proposito, alle sperimentazioni compiute nei territori del Land Vorarlberg e della Regione Toscana in cui i consociati, sia pure con modalità differenti, concorrono all’elaborazione del policy-making specie amministrativo attraverso osservazioni, dall’efficacia generalmente non vincolante, ma che, tuttavia, sono in grado di esercitare una moral suasion spesso determinante sul contenuto della decisione.

Participatory democracy model encourages the access of the general public to the decision-making processes, independent of the ownership of different and qualified subjective legal conditions, to acquire interests and perspectives capable of enrich the evaluative horizon of the Institutions. One of the preferred areas of application of this model certainly is the regional level where the advisory principle fits in well with the principle of subsidiarity because of the proximity between policy-maker and regulated interests. To this regard, mention should be made of the experimentation accomplished in the areas of Land Vorarlberg and of Tuscany Region in which the citizens, although with different ways, take part in the drafting of administrative policy-making through observations usually with no-binding effect, but that, however, are able to exert a moral suasion often determinant on the content of decision.

E-Book: Formato PDF Scaricabile

9920199009.pdf
Nr. Pagine
29
Formato
PDF