NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Profili di rilevanza civilistica dell’illecito sportivo
SKU: 9919399014
Gigliotti Fulvio
18,99 €

Nr. Pagine:
19
Estratto Rivista

Comparazione e diritto civile 3/2019

Formato:
PDF
ISSN:
2037-5662

Il contributo esamina la rilevanza giuridica dell’illecito sportivo, con particolare riferimento all’ordinamento civilistico e, in questo ambito, con specifico riguardo alla illiceità di accordi diretti a falsare l’esito di una competizione o a gestire la somministrazione di trattamenti dopanti. L’Autore ritiene, tenuta anche presente la disciplina dettata da regole dell’ordinamento sportivo, che accordi di questo genere - anche se non sanzionati penalmente - debbano considerarsi immorali e, come tali, soggetti alla disciplina dettata dall’art. 2035 c.c., a prescindere dal fatto che gli stessi siano esplicitamente vietati, o meno, da specifiche disposizioni normative.

This paper examines the civil law relevance of unfair conduct in sports and, in this context, the issue of the illegality of agreements aimed at distorting the outcome of a competition or managing the administration of doping treatments. Considering sport law rules, the author believes that such agreements – even if not punished – have to be considered immoral and, as such, subject to the discipline of art. 2035 c.c., regardless of the fact that they are explicitly prohibited, or not, by specific regulatory provisions.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved