Il debito da eccezione a regola
SKU: 87150311520
Pagliantini Stefano
24,99 €

Nr. Pagine
37
Formato
PDF

Sommario:

1. Prologo: l’indeterminatezza di una formula e la sua concretizzazione nascosta. Dal debito colpa al debito errore.

2. Primo significato: lo spersonalizzarsi del rapporto obbligatorio nella legislazione consumeristica tra statuto debole dell’interesse creditorio e strict liability del professionista in funzione del e per l’efficienza del mercato. Il caso Le Crédit Lyonnais SA (C 565/12).

3. Secondo significato: la nuova interazione tra debito e patrimonio nei rapporti obbligatori di diritto comune. L’inadempimento di necessità e spunti per una rilettura degli artt. 2740 e 2744 c.c. nella prospettiva di una proprietà garanzia.

4. Segue. L’effettività rimediale affievolita della tutela creditoria nel tempo presente: il contrappunto preminente dell’interesse familiare, la Verwirkung secondo il mos italicum ed il privilegio esecutivo della parte pubblica alla maniera di Corte cost. 186/2013. Il convitato di pietra dei dèlais de grâce secondo l’art. 1244 cod. civ.

5. Terzo significato (in due contesti apparentemente lontani): il mutuo fondiario con causa solutoria (cioè di una metamorfosi convenzionale del debito originario), la saga del trust liquidativo (e dintorni).

6. Quarto significato: la stagione (al termine?) dei derivati degli enti pubblici.

7. Epilogo: credit crunch e merito creditizio. I molteplici fattori di restrizione del credito ed un finanziamento all’impresa che latita.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.