Si comunica che i nostri uffici resteranno chiusi dal 02.08.2021 al 27.08.2021
Tutti gli ordini effettuati in quel periodo verranno evasi dopo il 30.08.2021

Post socialist civil law reform in Croatia. Gradual adjustment to a market economy and EU law without a civil code
SKU: 9913179023
Tatjana Josipovic
49,99 €

Nr. Pagine
40
Formato
PDF

Il processo di codificazione del diritto civile nella Repubblica della Croazia è iniziato subito dopo la proclamazione d’indipendenza del 1991. Prima di questa data, la Croazia era una delle repubbliche socialiste appartenenti alla Repubblica Federale Socialista della Yugoslavia e aveva sviluppato un sistema giuridico socialista basato sulla proprietà sociale collettiva, su un’economia pianificata e su quelle che venivano chiamate associazioni di lavoratori delle imprese sociali. Dopo aver raggiunto l’indipendenza nel 1991 la Croazia abolì il regime socialista ed iniziò in processo di graduale transizione verso un’economia di mercato. Parallelamente alla riforma economica si concretizzò un’ampia riforma del sistema giuridico, specialmente in quelle branche del diritto ritenute particolarmente importanti per l’economia di mercato, tra cui anche il diritto civile. Le riforme post-socialiste del diritto civile croato furono finalizzate a due obbiettivi principali: creare diritto civile moderno ed ispirato ai bisogni dell’economia di mercato e che fosse allo stesso tempo conforme al diritto dell’Unione Europea. Tali obbiettivi vennero raggiunti senza ricorrere all’adozione di un codice. La riforma avvenne, infatti, gradualmente attraverso l’adozione di singole leggi separate volte a regolare specifiche aree del diritto, per lo più prendendo ispirazione dal modello del diritto Austriaco e Tedesco. In questa riforma venne data la priorità alle aree del diritto ritenute importanti per l’economia di mercato (come le obbligazioni, la proprietà e il diritto del lavoro). Solo in un momento successivo vennero riformate anche altre aree del diritto (come le successioni ed il diritto di famiglia). Oggi, il dritto civile Croato è regolato da una serie di leggi speciali destinate a disciplinarne le diverse aree. L’articolo analizza come è avvenuta questa riforma graduale del diritto civile della Croazia postsocialista e gli effetti che essa ha avuto sulla coerenza del sistema. Viene considerata la possibilità di ricorrere nel futuro ad una ricodificazione del diritto civile. In particolare l’autore si interroga sul se sia o meno necessario adottare un Codice Civile o se sia meglio mantenere questo segmentato diritto civile, considerando lo sviluppo dinamico di tale diritto, la necessità del suo costante adattamento alle direttive europee e i bisogni del mercato moderno.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy