Family affair - Comparative Law’s never ending story?
SKU: 9913179002
Husa Jaakko
27,99 €

Nr. Pagine
28
Formato
PDF

Questo articolo affronta un classico argomento del diritto comparato, ovvero la classificazione dei sistemi giuridici attraverso la creazione di raggruppamenti e classificazioni. La discussione parte dalla presunzione che le famiglie giuridiche, insieme alle altre macro-strutture (culture e tradizioni giuridiche) siano da considerarsi paradossali. Per alcuni comparatisti, le classificazioni ed i diversi raggruppamenti delle famiglie giuridiche costruiscono il marchio di fabbrica di un diritto comparato genuinamente scientifico. Per i comparatisti più critici, invece, non c’è posto nella ricerca comparata post-moderna per queste famiglie giuridiche. Sta di fatto che nonostante queste macro-strutture vengano continuamente criticate, continuano a essere usate dalla maggior parte degli studiosi di diritto comparato: praticamente tutti continuano a fare riferimento a concetti come “common law”, “civil law” e “diritto Islamico”. Di tanto in tanto vengono anche proposte nuove teorie e modelli di classificazione. Ma simultaneamente sembra esistere una generale accettazione del fatto che il ricorso a queste macro-strutture sia altamente problematico. Questo crea degli interrogativi su quale sia la reale natura di queste macro-strutture. Questo articolo analizza criticamente le dimensioni metodologiche ed epistemologiche delle claissificazioni in famiglie giuridiche.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved
NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Privacy Policy