• +39 081 7645443
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ricerca Avanzata Ricerca Avanzata
0809A08290.jpg0809A08290.jpg
0809A08290.jpg
PDFStampaEmail
Gli antichi greci definivano la logìstica 'l'arte del calcolo diversa da quella dell'aritmetica'. In seguito i romani, decisamente meno filosofi dei greci, la trasformarono nell'arte di organizzare l'esercito per renderlo più efficiente in battaglia (pianificazione degli spostamenti di truppe, vettovaglie e munizionamento, organizzazione degli itinerari, ecc.). La parola logistica, sebbene tuttora sconosciuta ai più, viene ancora oggi ampiamente usata, soprattutto in ambito industriale, per indicare varie situazioni che molto spesso hanno poco a che fare con essa. L'Osservatorio nazionale sul trasporto merci e la logistica realizzato da Isfort con il contributo della Fondazione BNC, dal 2001 ad oggi ha indagato le caratteristiche di fondo ed i tratti evolutivi del complesso fenomeno della logistica soprattutto in Italia. In questi anni le indagini svolte hanno consentito di rintracciare un modello logistico nazionale che, seppur in un contesto infrastrutturale carente, è riuscito a sostenere la proiezione internazionale delle Piccole e Medie Imprese nazionali. Il racconto del viaggio condotto nel corso di questi anni dai ricercatori di Isfort tra imprese che domandano e offrono servizi di logistica e amministrazioni che ne governano i processi restituisce un'immagine del mercato caratterizzato da eroi vincenti, ma anche da gregari in affanno. Il successo del cosiddetto «Made in Italy» è stato dunque possibile non solo grazie alla qualità dei prodotti, ma anche al sacrificio di alcuni attori della filiera logistica che con il loro sforzo hanno consentito alle aziende di battere la competizione internazionale. Al termine del viaggio i ricercatori dell'Osservatorio lasciano comunque aperta la porta alla speranza che si possa riequilibrare il modello logistico italiano a patto che sia il buon senso di tutti gli attori della filiera a prevalere piuttosto che l'avidità di pochi.

ISFORT
L'Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti è stato costituito nel 1994 su iniziativa della Fondazione Banca Nazionale delle Comunicazioni, attuale azionista di maggioranza. e dalle Ferrovie dello Stato, con la finalità di contribuire al rinnovamento del settore della mobilità di persone e merci. L'Istituto si propone di favorire lo sviluppo del know-how socio-economico e gestionale del settore, attraverso attività di ricerca, con