Nessuna immagine impostata
Nessuna immagine impostata

Critica alla storia del pensiero economico

SKU: 0820199200
Autore:
De Marco Salvatore Michele
Array
16,00 €
24h.png

PDFStampaEmail

Nel presente contributo teorico si vuole evidenziare, da un lato la relatività della teoria economica che si riflette nella storia del pensiero economico solitamente raccontata, e dall’altro l’esistenza del nostro modello di sovrapproduzione (1991-2019) dove la soluzione al problema teorico di fondo (il valore in termini di aggregazione e di misurazione) è fonte del suo carattere assoluto che induce ad una rilettura della storia del pensiero economico assai più lineare. Avere un unico strumento interpretativo della realtà economica passata e presente così come l’unicità della stessa realtà economica suggerisce è vitale per il sapere economico che pone al centro della sua missione la sorte materiale dell’uomo.

L'AUTORE
Salvatore Michele De Marco ha insegnato Economia Politica all’Università di Foggia. È autore del modello di sovrapproduzione esposto nelle monografie e ricerche edite dal 1991 al 2019.

Indice

Capitolo I
L’essere ondivaga della teoria economica
1. Tutti i «nemici» della scienza economica
2. L’intollerabile alternanza di opinioni nella scienza economica
3. Il vuoto interpretativo delle scuole economiche dominanti
4. Il fallimento degli strumenti di verifica

Capitolo II
La storia del pensiero economico dalle svolte paradigmatiche strumentali
1. La svolta politica fisiocratica
2. La svolta storica classica
2.1. Il processo di accumulazione del capitale di A. Smith
2.2. La caduta tendenziale del saggio di profitto di D. Ricardo
2.3. La sovrapproduzione dei mezzi di produzione di T.R. Malthus
2.4. La caduta tendenziale del saggio di profitto di K. Marx
3. La svolta ideologica neoclassica
3.1. I primi neoclassici
3.2. Il capovolgimento neoclassico
3.3. La disfatta neoclassica
4. La svolta storica keynesiana
4.1. La lettura della crisi del 1929 secondo I. Fisher
4.2. La lettura della crisi del 1929 secondo J.M. Keynes
4.3. I limiti di J.M. Keynes nella teoria della moneta
4.4. I limiti di J.M. Keynes nella teoria degli investimenti
4.5. L’interpretazione parziale della realtà di J.M. Keynes
4.6. La curva di Phillips «piegata» alla logica inflattiva keynesiana
4.7. La natura di neoclassico minimo di J.M. Keynes
4.8. Il ridimensionamento della teoria generale con la «sintesi neoclassica»
4.9. Il percorso parallelo della teoria di P. Sraffa
5. La svolta corporativa monetarista
5.1. La stagflazione
5.2. La rifondazione ad opera del monetarismo
5.3. Il consolidamento della rifondazione
5.4. Il blando tentativo di mitigare le esagerazioni
5.5. Il monetarismo smentito dai divari internazionali nella globalizzazione
5.6. Il monetarismo smentito dalla crisi economica globale del 2008
6. In attesa di un nuovo pretesto per una nuova svolta

Capitolo III
Le dinamiche capitalistiche secondo il modello di sovrapproduzione
1. Le questioni teoriche ineludibili a fondamenta del modello
1.1. Il ruolo della teoria del valore
1.2. Il ruolo dell’analisi periodale
2. Le dinamiche economiche ordinarie del capitalismo
2.1. Il sistema economico stazionario
2.2. Il sistema economico in espansione
2.3. L’equilibrio economico naturale o desiderato
3. Le dinamiche economiche straordinarie del capitalismo
4. Il risultato del carattere assoluto dei fatti interpretati

Capitolo IV
La storia del pensiero economico nella sua unicità paradigmatica
1. La rivoluzione industriale all’origine della tendenza competitiva
2. La crisi ordinaria di sovrapproduzione del 1873
2.1. La formazione della sovrapproduzione
2.2. L’assenza di sbocco della sovrapproduzione
2.3. La soluzione cercata nell’offerta aggregata
2.4. L’occasione persa per il ripensamento teorico
3. La ricostruzione del dopoguerra e la ripresa della tendenza competitiva
4. La crisi ordinaria di sovrapproduzione del 1929
4.1. La formazione della sovrapproduzione
4.2. L’assenza di sbocco della sovrapproduzione
4.3. La soluzione nello sbocco pubblico inutilizzato
4.4. Il solitario tasso di interesse pubblico
4.5. La interpretazione reale della curva di Phillips
5. La ricostruzione del dopoguerra e la ripresa della tendenza competitiva
6. La crisi ordinaria di sovrapproduzione del 1973
6.1. La formazione della sovrapproduzione
6.2. L’assenza di sbocco della sovrapproduzione
6.3. La soluzione nel contenimento del costo di produzione
6.4. Il permanere della validità reale della curva di Phillips
7. Il superamento del problema energetico e la ripresa della tendenza competitiva
8. La crisi ordinaria di sovrapproduzione della globalizzazione
8.1. La formazione della sovrapproduzione
8.2. L’assenza di sbocco della sovrapproduzione
8.3. La saturazione dei mercati internazionali
8.4. La soluzione all’interno degli accordi bilaterali
9. La ricostruzione estera e la ripresa della tendenza competitiva
10. La crisi straordinaria di indebitamento complessivo mondiale del 2008
10.1. Il prevalere dei debiti nell’erosione del capitalismo
10.2. Il dilagare della crisi del debito nell’economia mondiale
10.3. L’emergenza del debito complessivo mondiale
10.4. La ristrutturazione dei debiti retta dalla fiducia

Isbn
9788849544534
Formato
17x24
Nr. Pagine
112
Mese Pubblicazione
Gennaio
Anno Pubblicazione
2021