NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Dai Ricusanti ai Cristeros
SKU: 0117037170
Bozza Carlo
24,00 €

Isbn
9788849533118
Nr. Pagine
VIII+232+16
Mese Pubblicazione
Settembre
Anno Pubblicazione
2017

L’autore prende spunto dalla constatazione che attualmente gran parte della letteratura, sia scientifica che divulgativa, che tratta di storia delle religioni, verte sulla fondazione e sulle vicissitudini della Santa Romana Inquisizione, con particolare riferimento alle persecuzioni da essa compiute. Altrettanta attenzione è prestata alle attività di supporto svolte dagli ordini religiosi cattolici, con particolare riguardo ai gesuiti. Perché tutta questa attenzione e tutte queste pubblicazioni, è lecito domandarsi? È forse possibile, viene da rispondere, per il predominio attuale, nell’ambito della civiltà occidentale, della componente anglosassone, la cui mentalità e le cui ideologie hanno prevalso almeno a partire dall’inizio del secolo scorso e prevalgono tuttora, a detrimento dei pur ottimi studi su drammi religiosi causati da altri, studi che l’autore cita qui accuratamente. E allora vengono ricordati – senza alcuna pretesa di scrivere una storia globale – diversi esempi di persecuzioni organizzate e condotte da altri, in tutto il mondo, durante lo stesso periodo della Storia Moderna e Contemporanea nel quale ha agito la Santa Romana Inquisizione. Questi esempi si succedono nel testo in ordine temporale, a meno che l’autore non ritenga di anticiparne uno rispetto ad un altro per seguire un filo logico. Infine, sostiene ancora l’autore, parliamoci chiaro: stante l’abitudine ideologica suddetta, quanti nel nostro paese, tranne gli specialisti, ricordano chi furono i Ricusanti o i Cristeros, o i martiri della Vandea o di Nagasaki, o dell’Uganda? Non si può escludere che nessuno abbia mai sentito parlare dell’eccidio di Gorcum, o dei Vecchi Credenti, o di Michele Serveto. A meno che qualche celebre film, come Mission, o Cinquantacinque giorni a Pechino, non abbia lasciato qualcosa, sia pure conforme alla mentalità holliwoodiana, nella nostra memoria.

L’AUTORE
Carlo Bozza (Roma, 1938), conseguì la maturità classica all’Istituto Massimo dei Gesuiti in Roma nel 1956, laureandosi poi alla Sapienza in ingegneria elettrotecnica nel 1963. È stato in seguito per molti anni assistente volontario del Di Pierro, ordinario di Costruzioni elettromeccaniche e pro tempore direttore dell’Istituto di Elettrotecnica della stessa Università. Dal 1964 al 1997 ha lavorato all’ENEL, fino al settembre 1976 al Servizio Termoelettrico del Compartimento di Roma, e in seguito alla Direzione Centrale degli Studi e Ricerche, dove è stato Dirigente esperto di programmazione e gestione delle attività di ricerca. È membro della Federazione Italiana di Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Informatica e Telecomunicazioni e dell’Associazione Nazionale di Impiantistica, socio amico dell’Associazione Italiana Biblioteche e senior member della National Geographic Society of America. È autore di ricerche, articoli e saggi sui più diversi argomenti di carattere sia tecnico che letterario. Per le Edizioni Scientifiche Italiane ha pubblicato nel 2010 il saggio L’archivio di Tommaso Bozza (1931-1993), che include la descrizione delle carte lasciate dal padre e cenni biografici di tutti i personaggi interessati, nel 2012 il saggio Prodigio o Delirio? Note su alcuni inediti di Diego Fabbri, e nel 2013 il saggio Breve viaggio alle origini dell’ecologia contemporanea. Nel 2014 e 2015 ha curato l’edizione del primo e secondo volume degli scritti del padre, Tommaso Bozza.

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved