NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Vezio Crisafulli
SKU: 1603055000
Sirimarco Mario
13,00 €

Isbn
9788849506503
Collana:
"L'Ircocervo"
Vai alla collana >>>
Nr. Volume
26
Formato
13x21
Nr. Pagine
176
Mese Pubblicazione
luglio
Anno Pubblicazione
2003

«La critica più severa che si deve muovere ai nostri partiti non è tanto d'essersi arrogati poteri che ad essi formalmente non spetterebbero, non d'esercitare una sorta di dispotismo irresponsabile (... ) quanto piuttosto e in primo luogo di non essere capaci di esprimere una politica coerente e di coerentemente perseguirla, una volta giunti al Governo. È di aver mancato al compito di mediazione politica degli interessi, che ne giustifica il riconoscimento differenziato in Costituzione; di mancare troppo spesso d'autentica forza rappresentativa; di esaurire la loro azione nella tensione, fine a se stessa, diretta ad ottenere e mantenere qualche porzione di potere, per distribuire incarichi a vantaggio delle loro clientele». Con questo duro giudizio, espresso sotto il peso della disillusione per la crisi politico-istituzionale, economica e di costume che attanagliava l'Italia a metà degli Anni '80, Vezio Crisafulli rivela suggestivamente quello che si può considerare il nocciolo del suo pensiero di costituzionalista, ai confini tra diritto e politica. A questa riferendo come essenziale la mediazione politica degli interessi, a quello la determinazione istituzionale dei principi. Consapevole della difficoltà di render conto delle molteplici sfaccettature che presenta l'opera di un giurista vissuto all'ombra del potere in un lungo tempo di trasformazioni epocali, l'Autore, privilegiando l'indagine di quella che da Ferrari è stata definita come la «zona grigia» tra politica e diritto, ricostruisce il pensiero di Crisafulli sulla problematica dell'argine opposto dalla giuridicità all'arbitrio della potenza, muovendo dai primi studi di filosofia del diritto alla scuola di Giorgio Del Vecchio a quelli di diritto pubblico con Santi Romano e di dottrina dello stato con Sergio Panunzio. Tra istituzionalismo e normativismo. Attento ai problemi delle fonti e a quelli dell'interpretazione.

L’AUTORE
Mario Sirimarco, assegnista di ricerca presso l'Università degli Studi di Teramo, è autore di alcuni saggi di filosofia del diritto, tra i quali Il diritto all'ambiente. La questione ecologica tra etica, diritti e politica (1999), Il dubbio della sopravvivenza (2000), I principi generali del diritto in Costantino Mortati (2001) ed Ecosistema, diritto e ambiente (2003). Collabora alla rivista «Teoria del Diritto e dello Stato».

Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved