NOTA! Questo sito utilizza cookies e tecnologie simili .
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su 'Approvo', proseguendo nella navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie. 
Per maggiori informazioni o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa.
Rent to buy e tipo contrattuale
SKU: 7418150170
Di Mauro Ettore William
20,00 €

Isbn
9788849534658
Collana:
Quaderni de « Il Foro napoletano »
Vai alla collana >>>
Nr. Volume
21
Formato
17x24
Nr. Pagine
168
Mese Pubblicazione
Gennaio
Anno Pubblicazione
2018
In un clima di generale sfiducia nella ripresa economica del Paese e con essa del mercato immobiliare, l’autonomia privata si è rivolta verso nuove figure negoziali maggiormente capaci di rispondere alle esigenze dei privati e delle imprese, degli aspiranti venditori e dei possibili acquirenti di beni immobili. Il fenomeno di circolazione e mutazione dei modelli negoziali, la difficoltà di accesso al credito e la carenza di liquidità, ha consentito il fiorire di nuove operazioni negoziali tese all’acquisto di un bene immobile e genericamente denominate rent to buy. Il recepimento da parte del legislatore italiano di un simile strumento negoziale, ha sollecitato l’interesse della dottrina e della giurisprudenza non soltanto sul suo inquadramento sistematico, ma, soprattutto, sull’individuazione della disciplina applicabile. La particolare duttilità strutturale e la qualificazione di operazione a formazione progressiva del rent to buy, i cui tratti distintivi essenziali sembrano essere la dualità della composizione del canone e la bifasicità del procedimento conclusivo, se, per un verso, aiutano a comprendere il valore puramente descrittivo delle classificazioni in tipico e atipico, in concetto e classe, per altro verso, consentono di comprendere che «ogni sforzo di catalogazione certa trova il suo ostacolo principale nella circostanza che non vi è mai totale incomunicabilità tra discipline o mera identificazione o sovrapposizione tra negozi, ma, al contrario, continua relazione». Movendo da un’analisi sulla struttura e la funzione di questa operazione negoziale, misurandone meritevolezza e liceità, si giunge ad affermare che la varietà degli interessi concreti non permettono di localizzare una disciplina unitaria o di proporre classificazioni includenti, che finirebbero per disperdere le caratteristiche essenziali del rent to buy. Si prova a dimostrare la necessità di superare il metodo della sussunzione constando che l’individuazione della disciplina impone sempre una interpretazione attenta agli interessi perseguiti dalle parti e conforme ai princípi e ai valori dell’ordinamento giuridico vigente.

L'AUTORE
Ettore William Di Mauro, dottore di ricerca in Diritto romano, Teoria degli ordinamenti e Diritto privato del mercato nell’Università degli Studi di Roma «Sapienza».
Edizioni Scientifiche Italiane E.S.I. SpA - Via Chiatamone 7 - 80121 - Napoli P.IVA: 00289510638 Copyright © All right reserved